Domenica 6 aprile riapre l’ultima frasca del Gemonese

Domenica 6 aprile riapre l’ultima frasca del Gemonese dove, ogni fine settimana, potrete gustare cibi genuini da accompagnare con del buon vino locale prodotto con le uve del podere (la braide friulana).

La frasca (osmiza sul Carso triestino) è un’usanza antica che risale al 1784, quando il Friuli era asburgico e l’imperatore Giuseppe II autorizzò i contadini a vendere vino, mosto e altri generi alimentari purché fossero di loro produzione. Un modo per incentivare la vendita diretta e agevolare il duro lavoro dei campi. L’editto dell’imperatore prevedeva che ogni podere, all’ingresso del locale dove si praticava questa vendita diretta, doveva essere indicato con una frasca (tralci di vite o rami di gelso) altrimenti l’attività veniva confiscata.

Oggi una legge regionale tutela questa vendita diretta, prevedendo forme agevolate di controllo sanitario sulla qualità dei prodotti posti in vendita, al fine di salvaguardare la tradizione e l’economia di piccola scala.

La Frasca di Campolessi apre venerdì e sabato sera (17-20) e domenica mattina (10-13).

Sunday, April 6 the last frasca of Gemonese reopens. Here you can enjoy genuine food and fine wine produced with the grapes of the farm, every weekend: Friday and Saturday evenings (5pm-8pm) and Sunday mornings (10am-1pm).

The ancient custom of frasca dates back to 1784, when the emperor Giuseppe II authorized the Friuli peasants to sell wine, must and food as long as they were produced by them. Every farm, at the entrance to the premises where the sale was practiced had to be indicated with a vine or mulberry branch: frasca in the local language. Today a regional law protects this direct sale.

Photo by Nicola Picogna